14.6 C
Napoli
mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeGuided ToursAnniversario del rinvenimento della Nuceria-Stabiae

Anniversario del rinvenimento della Nuceria-Stabiae

Una strada in piazza

Sono trascorsi già tre anni da quel Mercoledì 6 febbraio 2019, quando, durante i lavori di rifacimento di piazza della Libertà a Sant’Antonio Abate (NA), si effettuò un’importantissima scoperta archeologica.

Stiamo parlando del ritrovamento dell’antica Nuceria-Stabia, un importante asse viario di epoca romana che congiungeva, appunto, Nocera a Castellammare di Stabia e di conseguenza al mare. Parte dell’antico tracciato, solo la parte che non presentava danni creati dalla realizzazione della piazza precedente (fine anni ’70 del secolo scorso), è oggi visibile grazie ad una moderna balaustra in vetro e acciaio, inaugurata dall’amministrazione Abagnale nel Giugno del 2021 che ne permette la fruizione a tutta la comunità abatese e a chi volesse goderne. La struttura è lunga circa 7 m. ed ha una planimetria ad “L”, contiene l’antica strada larga circa 4,5 m., ma, purtroppo, per una lunghezza di soli 6 m. e, grazie alla presenza di alcuni LED, la si può ammirare anche di sera.

La peculiarità della strada romana di Sant’Antonio Abate è la presenza, ben visibile, dei solchi lasciati dai  carri sulla carreggiata bordata da blocchi di calcare locale che ci fa immaginare il via vai di merci, soprattutto anfore ricolme di vino dei Lattari, che transitavano tra Nuceria e Stabiae.

La cittadina Abatese si fregia anche di altri testimoni del passato di tutto rispetto come: Villa Cuomo” una villa rustica romana del I° secolo d.C.); dal complesso dell’antica chiesetta di Sant’Antuono comprendente ambienti romani del I° secolo d.C. e la chiesa medievale del XIII secolo da pochi giorni arricchita da una mostra permanente; dalla recentissima riscoperta dell’Epigrafe di Publio Granio nei depositi del Museo di Paestum (luglio 2018) avvenuta grazie al “Movimento Agorà Abatese” capitanato dal prof. Gerardo Sorrentino; infine, da non dimenticare, le altre testimonianze che abbracciano un arco temporale che va dal periodo preromano a quello contemporaneo.

Articolo precedenteELVIRA VENOSI A CASA SANREMO
Articolo successivoPetra Herculis
Fioravante Gargiulo
Dopo aver conseguito il diploma come Ragioniere-Perito Commerciale, ho seguito la passione per l'archeologia conseguendo nel 2015 la Laurea Magistrale in Archeologia con la votazione di 109/110. Sono socio dell'Associazione Culturale "CamCampania" che organizza visite guidate, eventi e laboratori didattici e ha come fine la promozione culturale e turistica del territorio in cui risiedo. Con essa collaboro anche come redattore per la rivista "CamCampania Magazine". Nel mese di maggio del 2018 sono stato iscritto all'albo delle guide turistiche della Sardegna e nel mese di luglio del 2018 a quello dei Giornalisti della Campania (Elenco Pubblicisti). L'anno seguente, nel mese di marzo 2019, ho superato la selezione per accedere al corso IFTS (Regione Campania) come tecnico superiore per la promozione di prodotti e servizi turistici, concludendolo nel mese di dicembre con la votazione di 100/100. Le passioni che coltivo sono: la fotografia, il trekking e il nuoto. Dall'agosto 2020 sono iscritto nelle GPS per l'insegnamento (A021 e A054).
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_img

Most Popular

Recent Comments