31.4 C
Napoli
mercoledì, Giugno 19, 2024
HomeGuided ToursSiti di interesseLE VILLE DEL PIANORO DI VARANO

LE VILLE DEL PIANORO DI VARANO

UNO SGUARDO SUL PIANORO DI VARANO E LE SUE VILLE

Proseguendo il nostro percorso nell’ager stabianusdopo aver descritto come era organizzata la villa rustica romana di via Casa Salese in Sant’Antonio Abate, vogliamo ora descrivere brevemente le ville d’otium che sorgevano sul pianoro di Varano in Castellammare di Stabia, erano costruite in posizione dominante e panoramica con vista sul mare ed erano collegate alla costa per mezzo di rampe a gradini realizzate lungo la scarpata e ancora oggi se ne conservano i resti.

Queste ville furono edificate dopo la distruzione di Stabiae ad opera di Silla avvenuta nell’89 a.C., quando la città di Stabiae perse la sua autonomia e fu sottoposta alla città di Nuceria. Anch’esse, così come le ville rustiche, furono distrutte dall’eruzione vesuviana del 79 d.C. quando era imperatore Tito. In questo arco di tempo, che intercorre dalla loro costruzione, all’eruzione che le seppellì, il luogo divenne una zona residenziale dove i cittadini più ricchi potevano dedicarsi al riposo, ai piaceri e ai propri interessi culturali.

Sul pianoro di Varano e nelle sue immediate vicinanze tra il comune di Castellammare di Stabia, quello di Gragnano e di Santa Maria la Carità, erano allineate diverse ville, tra queste citiamo:

la villa in località Belvedere che, dopo essere stata scoperta e indagata nel XVIII secolo ad opera dei Borbone, fu nuovamente ricoperta;

villa Arianna che deve il suo nome a un bellissimo affresco rinvenuto ll’interno dell’atrio;

il cosiddetto Secondo Complesso, separata da villa Arianna da uno strettissimo vicolo;

villa San Marco, parzialmente che, invece, deve il suo nome ad una piccola Cappella nelle sue vicinanze;

la villa del Pastore che fu parzialmente scavata, ma in seguito interrata;

nel comune di Gragnano la villa di Anteros ed Heracli;

villa del Petraro a Santa Maria la Carità.

Tre di queste grandiosi ville, dopo la scoperta nel XVIII secolo, sono state “riscoperte” negli anni ’50 del secolo scorso dal preside Libero d’Orsi che, basandosi sulle notizie e le piante redatte dai funzionari borbonici le individuò e le portò nuovamente alla luce.

Le ville hanno restituito:

affreschi soprattutto in III e IV stile, anche se non mancano esempi degli stili precedenti; 

ambienti termali provvisti di calidariumfrigidariumtepidarium

ambienti servili (cucine, locali per la manutenzione delle terme, depositi ecc);

ambienti per la consumazione dei pasti e il riposo (triclini e cubicoli);

ambienti di rappresentanza (atri e tablini)molti con pavimenti in mosaicosuppellettili e materiali di grande valore artistico e di pregevole fattura come un cratere a calice di marmo alabastrino proveniente da villa San Marco, un labrum e la statua del Pastore rinvenuti nella cosiddetta “villa del Pastore”, anfore in vetro, oggetti in oroargento e bronzo da villa Arianna;

infine giardininatatioperistili, porticati e ambulationes (percorsi per passeggiate).

Il 24 settembre del 2020 è stato anche inaugurato il museo archeologico di Stabia “Libero D’Orsi” che ospita diversi reperti provenienti sia dalle ville d’otium che dalle ville rustiche dell’antico ager stabianus tra cui anche villa Cuomo.

Fonti:

G. Di Massa, Il territorio di Gragnano nell’antichità e l’Ager Stabianus, Castellammare di Stabia 2000.

G. Bonifacio – A. M. Sodo, Stabiae, guida archeologiche alle ville , Castellammare di Stabia 2001.

AA. VV., In Stabiano, Cultura e Archeologia da Stabiae: la città e il territorio tra l’età arcaica e l’età romana
(Catalogo Mostra Castellammare di Stabia, 4 novembre 2000 – 31 gennaio 2001), Castellammare di Stabia 2001.

D. Camarda – A. Ferrara, Tesori di Stabiae. Treasures from Stabiae, Castellammare di Stabia 2004.

F. Pensando – M. P. Guidobaldi, Pompei, Oplontis, Ercolano, Stabiae  (“Guida archeologica Laterza”), Roma – Bari 2006.

AA. VV., Otium ludens. Stabiae, cuore dell’impero romano , Castellammare di Stabia 2009.

Fioravante Gargiulo
Dopo aver conseguito il diploma come Ragioniere-Perito Commerciale, ho seguito la passione per l'archeologia conseguendo nel 2015 la Laurea Magistrale in Archeologia con la votazione di 109/110. Sono socio dell'Associazione Culturale "CamCampania" che organizza visite guidate, eventi e laboratori didattici e ha come fine la promozione culturale e turistica del territorio in cui risiedo. Con essa collaboro anche come redattore per la rivista "CamCampania Magazine". Nel mese di maggio del 2018 sono stato iscritto all'albo delle guide turistiche della Sardegna e nel mese di luglio del 2018 a quello dei Giornalisti della Campania (Elenco Pubblicisti). L'anno seguente, nel mese di marzo 2019, ho superato la selezione per accedere al corso IFTS (Regione Campania) come tecnico superiore per la promozione di prodotti e servizi turistici, concludendolo nel mese di dicembre con la votazione di 100/100. Le passioni che coltivo sono: la fotografia, il trekking e il nuoto. Dall'agosto 2020 sono iscritto nelle GPS per l'insegnamento (A021 e A054).
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_img

Most Popular

Recent Comments