14.6 C
Napoli
mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeGuided ToursLE VILLE MARITTIME DELLA PENISOLA SORRENTINA

LE VILLE MARITTIME DELLA PENISOLA SORRENTINA

Le residenze romane tra mare e montagna.

Continuiamo a parlare di ville romane, dopo aver dato un breve sguardo sulle ville d’otium del pianoro di Varano e della villa rustica di Sant’Antonio Abate passiamo ad analizzare le ville marittime della penisola sorrentina.

Collegate all’ager Stabianus attraverso la Via Minervia, che si allacciava alla Nuceria-Stabiae, troviamo la penisola Sorrentina. Anche qui dopo la guerra sociale iniziarono ad essere costruite le cosiddette ville marittime che si differenziano dalle ville d’otium e dalle ville rustiche. Esse erano infatti formate da una pars rustica dedita all’agricoltura, all’allevamento del bestiame e alle attività produttive, e una pars maritima provvista di peschiere e di strutture legate alla vita commerciale e marittima. In particolare nelle peschiere si allevavano varietà ittiche pregiate con dispendio di elevate somme di denaro, spesso come simbolo di ricchezza e in alcuni casi anche come fonte di guadagno come avvenne per Sergio Orata. La zona residenziale era lussuosa con ambienti finemente e artisticamente decorati con pavimenti in mosaico, ampie piscine, ninfei e terrazze a picco sul mare.

Questo tipo di villa venne costruito perché ben si adattava alla morfologia del territorio, infatti possedevano un accesso diretto al mare tramite rampescale o gallerie, ma allo stesso tempo collocate su falesie alte decine di metri e quindi possedevano tutti i vantaggi di un’abitazione collocata in collina con una pars rustica dove si coltivava la vite, l’olivo, alberi da frutta e ortaggi vari, ma anche i vantaggi legati al mare con la presenza di peschiere, molimagazzini ecc.

Spesso queste ville erano di ricchi proprietari che abitavano zone dominanti per godere del magnifico panorama del golfo, infatti la struttura era costruita per godere al massimo della vista del golfo, dei ninfei e delle natatio che impreziosivano le ville.

A differenza di quello che avvenne, sia per le ville rustiche dell’ager Stabianus, sia per le ville d’otium del pianoro di Varano, le ville marittime dopo essere state danneggiate dall’eruzione vesuviana vengono, dopo poco tempo, ripristinate. questo si nota soprattutto nella stratigrafia della villa del Pezzolo nella frazione di Seiano a Vico Equense, tra le più importanti della penisola Sorrentina insieme: alla villa di Agrippa Postumo e quella di Pollio Felice ai “Bagni della Regina Giovanna” entrambe a Sorrento; la villa di Capo Massa in località Villazzano e la villa di Pipiano a Marina della Lobra entrambe nel comune di Massa Lubrense.

Fonti:

P. Mingazzini – F. Pfister, Formae Italiae . Regio I, Surrentum, Firenze 1946.

W. Johannowsky – E. Laforgia – M. Romito – V. Sampaolo, Le ville romane dell’età imperiale, 1986.

M. Russo, Per viscere rupis, vie pubbliche e private in galleria, in tagliata e in trincea di Surrentum, in ATTA, 2004.

AA. VV., Guida geoarcheologica della costa campana ad uso dei naviganti, 2005.

M. Russo, La villa di Capo di Sorrento. Con i fondi agricoli acquistati dal comune, 2006.

A. Cinque, Vico Equense, I ruderi della villa romana. Un percorso per la riscoperta, in Agorà, anno 9 n. 337, 2007.

Fioravante Gargiulo
Dopo aver conseguito il diploma come Ragioniere-Perito Commerciale, ho seguito la passione per l'archeologia conseguendo nel 2015 la Laurea Magistrale in Archeologia con la votazione di 109/110. Sono socio dell'Associazione Culturale "CamCampania" che organizza visite guidate, eventi e laboratori didattici e ha come fine la promozione culturale e turistica del territorio in cui risiedo. Con essa collaboro anche come redattore per la rivista "CamCampania Magazine". Nel mese di maggio del 2018 sono stato iscritto all'albo delle guide turistiche della Sardegna e nel mese di luglio del 2018 a quello dei Giornalisti della Campania (Elenco Pubblicisti). L'anno seguente, nel mese di marzo 2019, ho superato la selezione per accedere al corso IFTS (Regione Campania) come tecnico superiore per la promozione di prodotti e servizi turistici, concludendolo nel mese di dicembre con la votazione di 100/100. Le passioni che coltivo sono: la fotografia, il trekking e il nuoto. Dall'agosto 2020 sono iscritto nelle GPS per l'insegnamento (A021 e A054).
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_img

Most Popular

Recent Comments