31.4 C
Napoli
mercoledì, Giugno 19, 2024
HomeNewsAttualitàPresentazione del volume sul tracciato adrianeo

Presentazione del volume sul tracciato adrianeo

Il racconto del rinvenimento della strada e non solo...

Domenica 2 giugno 2024 alle ore 10.00 nell’antica chiesetta di Sant’Antonio Abate di
Vienne sarà presentato il volume degli autori prof. Gerardo Sorrentino, ricercatore e
storico del territorio abatese, e dott. Fioravante Gargiulo, archeologo:

Il tracciato adrianeo del 121 d.C. da Nuceria a Stabias

nel territorio di Sant’Antonio Abate

i consueti saluti istituzionali di Giovanni Nastro, priore della Confraternita
dell’Immacolata Concezione, della dott.ssa Ilaria Abagnale, sindaco di Sant’Antonio
Abate, della dott.ssa Luisanna Vanacore, assessore alla cultura, seguiranno le
relazioni del prof. Antonio Varone, archeologo Direzione Generale Archeologia
Ministero Beni Culturali Roma, del dott. Mario Cesarano – archeologo e del dott.
Franco Sorvillo, referente CEIC Area Monti Lattari. Moderatore il prof. Tonino
Coppola, Parco Archeologico di Pompei.
Il volume, agile e scorrevole, con prefazione del prof. Antonio Varone e nota
introduttiva del prof. Salvatore Ferraro, ha in primis l’intento precipuo di ricordare
l’emergenza di un segmento del tracciato Adrianeo Nuceria/Stabias avvenuta in
Sant’Antonio Abate mercoledì 6 febbraio 2019, durante i lavori di rifacimento di
Piazza della Libertà.
In secundis il volume registra fedelmente e cronologicamente tutte le emergenze
(titoli, ville rustiche, assi viari, manufatti riconducibili al periodo romano) venute alla
luce in tutto il territorio abatese a partire dal XVIII secolo ad oggi.
Il primo capitolo del volume tratta dell’Ager Stabianus e del territorio di
Sant’Antonio Abate nell’antichità ed in particolare nel periodo romano.
Nel secondo capitolo si discetta del sisma del 62 o 63 d.C. e l’eruzione del Vesuvio
del 79 d.C. con ampi apporti di fonti latine coeve.
Il terzo capitolo enumera le emergenze archeologiche affiorate nel territorio di
Sant’Antonio Abate dal secolo XVIII ai giorni nostri.
Il quarto capitolo analizza il sistema viario romano nell’agro nocerino-sarnese e
l’antica strada Nuceria-Stabias, in particolare il tracciato adrianeo da Nuceria a
Stabias del 120/121 d.C.
Segue poi la Relazione tecnica del capo area del comune di Sant’Antonio Abate ing.
dott. Leonardo Sorrentino.
Correda infine il volume un’ampia Rassegna Stampa con articoli sulla strada romana
emersa (tracciato Adrianeo del 120/121 d.C.).
La pubblicazione del volume in tal modo pone un ulteriore tassello nella conoscenza
del territorio abatese connotando e offrendo lustro alla nostra cittadina.

Fioravante Gargiulo
Dopo aver conseguito il diploma come Ragioniere-Perito Commerciale, ho seguito la passione per l'archeologia conseguendo nel 2015 la Laurea Magistrale in Archeologia con la votazione di 109/110. Sono socio dell'Associazione Culturale "CamCampania" che organizza visite guidate, eventi e laboratori didattici e ha come fine la promozione culturale e turistica del territorio in cui risiedo. Con essa collaboro anche come redattore per la rivista "CamCampania Magazine". Nel mese di maggio del 2018 sono stato iscritto all'albo delle guide turistiche della Sardegna e nel mese di luglio del 2018 a quello dei Giornalisti della Campania (Elenco Pubblicisti). L'anno seguente, nel mese di marzo 2019, ho superato la selezione per accedere al corso IFTS (Regione Campania) come tecnico superiore per la promozione di prodotti e servizi turistici, concludendolo nel mese di dicembre con la votazione di 100/100. Le passioni che coltivo sono: la fotografia, il trekking e il nuoto. Dall'agosto 2020 sono iscritto nelle GPS per l'insegnamento (A021 e A054).
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_img

Most Popular

Recent Comments