“IL CORAGGIO DI ESSERE FRIDA”: FASHION PROJECT DI SUSI SPOSITO

Categoria: Arte e Talenti Scritto da Palma Emanuela Abagnale / December 7, 2019

Si terrà venerdì 11 marzo, alle ore 19:00, presso l’Atelier Albachiara (via Toledo 329 – NA), la presentazione del fashion project di Susi Sposito, designer di moda, “Il coraggio di essere Frida”.

Frida Kahlo, pittrice messicana (Coyoacàn, 6 luglio 1907 – Coyoacàn, 13 luglio 1954), è la musa ispiratrice del progetto: essere Frida vuol dire Considerare il proprio mondo interiore una risorsa e non un limite. Rifiutare l’omologazione rassicurante di una società che ci vuole tutti uguali. Guardarsi dentro, scoprirsi unici e preziosi e rivelarsi al mondo.

Questa è l’anima de “Il coraggio di essere Frida”, il fashion project di Susi Sposito che trae profonda ispirazione dalla mostra “Todos podem ser Frida”della fotografa brasiliana Camila Fontanele de Miranda, curata da Sueli Viana De Micco e incentrata sul tema della diversità.

Il fashion project prevede l’ esposizione, per la prima volta a Napoli, dei lavori di “Todos podem ser Frida” e una performance fotografica dal vivo che coinvolgerà il pubblico permettendo a chi lo vorrà di entrare letteralmente nei panni di Frida e fare proprio il suo coraggio di rappresentare esteticamente sé stessi.

Per l’occasione, la fashion designer di lusso Susi Sposito ha creato una collezione di abiti interamente ispirata a Frida Kahlo, una donna fragile ma forte, un’icona di bellezza non canonica e di coraggio. La collezione riprende i motivi e i concetti dei ritratti e delle fotografie di Frida Kahlo: una natura lussureggiante che dallo sfondo fuoriesce fino a decorare le stoffe, materiali all’apparenza grezzi ma preziosi nella loro composizione come la seta buretta, e ancora scialli, frange, corpetti e gonne abbondanti ispirati alla moda messicana di inizio novecento.

A partire dall’11 marzo (e fino al 25 marzo), l’atelier AlbaChiara di Susi Sposito, sito al centro storico di Napoli, diventerà art gallery e set fotografico per la durata di due settimane, durante le quali un team di artisti riporterà i tratti caratteristici della pittrice messicana più famosa dei nostri tempi sui volti di persone diverse non solo per genere, età e professione, ma uniche in quanto individui, chiamandole a portare fuori la propria identità davanti all’obiettivo di Alessandro Tarantino, fotografo ufficiale e partner del progetto. Occhio attento a catturare il tempo nell’attimo, Tarantino si distingue per l’atmosfera vintage e delicata che conferisce ai suoi lavori e per la capacità di valorizzare un’immagine senza artifici.

Collaboreranno in team: per il trucco, Marina Caragallo, giovane make up artist partenopea specializzata nel settore fotografico ed artistico; per gli accessori, Sara Lubrano, designer di gioielli che coniuga la manualità artigiana e l’estrosità artistica in creazioni uniche e raffinate.

“Il coraggio di essere Frida” sarà inaugurato venerdì 11 marzo, ore 19, presso l’Atelier Albachiara, con la straordinaria partecipazione di Maria Carmela Masi, storico dell’arte della Reggia di Caserta, e tanti ospiti a sorpresa.

INTERVISTA  A SUSI SPOSITO, DESIGNER E FORMATRICE AZIENDALE

«Come nasce la tua passione per la moda?»

«A pensarci bene non esiste un tempo preciso in cui ho scoperto la mia passione per la moda. Sono nata in uno dei piccoli paesi dei distretti manufatturieri della Campania, i miei avevano un'azienda di abbigliamento da uomo ed io sono sempre vissuta tra pezzi di stoffa e macchine da cucire. Facevo abiti alle barbie e sognavo di trasformarli in abiti veri. Ho fatto gli studi canonici: il liceo, l'orientale ma ho ottenuto dai miei l'iscrizione a un corso di designer di moda. Mi diplomai al liceo a luglio e al corso di moda a settembre. Dopo tre anni lasciai il corso di laurea in lingue per dedicarmi totalmente alla mia passione.»

«Cosa ti ha spinto  a creare il brand Kira Emanuelli?»

«Ho creato il marchio Kira Emanuelli quando ero appena ventenne, non avevo voglia di essere semplicemente una designer, volevo vivere e respirare tutte le fasi della lavorazione, Ero nata nei luoghi del fare e quella era la mia passione, non avrei mai potuto lasciare il processo a metà, La sfida con Kira Emanuelli è stata vinta. Nel 2001 arrivo a Milano con uno showroom monobrand nel quadrilatero della moda, l'export va benissimo e tra i clienti ci sono grossi nomi degli Emirati, della Russia e dell'UK. Nel 2009 la vita mi pone davanti delle scelte diverse e io le accetto e così finisce un'avventura.»

«Qual è il percorso che ti ha portato a diventare Formatrice?»

«Ho scelto di diventare formatrice nel '98. Mi chiamarono a tenere un corso di "self marketing" in un istituto professionale. Accettai un po’ divertita, ma mi si aprì un mondo. Insegnare non è mai un processo comunicativo ad una via, ciò che si ottiene in cambio mentre insegni è impagabile. L'umanità e l'emozione che si sprigiona in un corso di formazione ben riuscito è inspiegabile. Decisi di riprendere gli studi e dedicarmi alla mia seconda passione: la formazione. Da allora ho tenuto corsi di formazione su tematiche diverse, ma ho sempre preferito tenerli nei cosiddetti luoghi a rischio. Nei luoghi che noi chiamiamo disagiati circola un amore introvabile altrove e succede che te ne ritrovi innamorata. Penso che in fondo pur avendo un animo tranquillo amo le sfide e nel 2012 me ne sono andata in Cina. Lavoravo come esperta nelle linee di abbigliamento di una multinazionale che produceva trenta noti marchi di abbigliamento italiani e due volte a settimana tenevo corsi nella facoltà di moda del Campus universitario di Hangzhou. Un'esperienza stupenda e indimenticabile. Ma accade che Napoli chiama e i napoletani tornano, e sono tornata.»

«Cosa è possibile trovare all’interno dell’Atelier Albachiara, da te fondato?»

« La mia nuova sfida si chiama Albachiara. Non è un marchio. Albachiara è un luogo. Il mio luogo del cuore e del fare. difficile da spiegare, ma è proprio così. E' un posto bellissimo nel cuore di Napoli, lì ci sono le mie collezioni a cui lavoro ogni giorno. Sono proposte, progetti che divengono realtà. Le passioni se le hai non ti abbandonano mai, allora hai le idee, ma anche la voglia di condividerle queste idee. E' così che nascono i miei corsi di formazione, come l'ultimo "I love vintage". Ho tenuto corsi di riciclo creativo totalmente gratuiti. Io mi affeziono alle piccole cose e capita che conservo abiti vecchi, borsette, pezzi di stoffa e piccoli mobili, ma capita anche che la mia anima creativa abbia voglia di farli rivivere, di dare una nuova opportunità a pezzi di vita e così nascono abiti nuovi da quelli vecchi. Ho immaginato che potessero esserci donne come me e ne ho trovate tante. Ho insegnato loro il fare. Nel tempo dei "non luoghi" di Bauman, nel mio "luogo" si può passare per una abito, per una mostra di quadri, per un corso di formazione, ma anche solo per un caffè, perché i rapporti umani sono il bene più prezioso che abbiamo.»

Thank for sharing!

Info sull'autore


Palma Emanuela Abagnale

Direttore responsabile della rivista CamCampania

Background e Competenze:  “Le mie principali qualifiche sono quelle di Giornalista Pubblicista (iscritta da luglio 2014 all’Albo dei giornalisti pubblicisti della Campania) e di Cultural Manager (avendo conseguito la Laurea magistrale in Organizzazione e Gestione del Patrimonio Culturale e Ambientale presso l’Università Federico II di Napoli - Titolo della tesi: “La Comunicazione Integrata per la valorizzazione del territorio). Sono appassionata d’arte e fotografia; raccontare (anche per immagini) e organizzare eventi è ciò che faccio dal 2010 per CamCampania, network artistico-culturale che valorizza beni ambientali e culturali (materiali e immateriali) attraverso la comunicazione integrata.