TEMPIO DI SERAPIDE A POZZUOLI

Categoria: Arte e Folklore Scritto da Palma Emanuela Abagnale / September 28, 2020

Interpretato originariamente come un tempio dedicato al dio egizio Serapide, in seguito al rinvenimento di una scultura che lo raffigura, il complesso è in realtà un mercato pubblico (Macellum), costruito probabilmente tra la fine del I sec. e l’inizio del II sec. d.C., nel quartiere che gli antichi chiamavano Emporium, situato sulla costa a nord del promontorio dell’acropoli. Ristrutturato in epoca severiana (inizi III sec. d.C.), il complesso, con l’ingresso verso il mare, si sviluppa su una superficie piuttosto vasta (75 metri di lunghezza per 58 metri di larghezza) circondata da un portico con colonne di granito o di cipollino, sul quale si aprivano numerose botteghe adibite, probabilmente, alla vendita di carne e pesce.

La parte centrale del cortile è occupata da una tholos, a sua volta chiusa da una esedra preceduta da quattro colossali colonne, delle quali tre sono ancora in piedi. I resti del pavimento e del rivestimento in marmo delle latrine pubbliche sono indice della straordinaria sontuosità del monumento. Sulle colonne sono visibili le erosioni dovute agli abbassamenti ed innalzamenti del suolo, a causa del fenomeno del bradisismo che da sempre caratterizza l’area flegrea.

Info:

Tempio di Serapide

Via Roma, Pozzuoli (NA)

Territorio: Campi Flegrei

Thank for sharing!

Info sull'autore


Palma Emanuela Abagnale

Direttore responsabile della rivista CamCampania

Background e Competenze:  “Le mie principali qualifiche sono quelle di Giornalista Pubblicista (iscritta da luglio 2014 all’Albo dei giornalisti pubblicisti della Campania) e di Cultural Manager (avendo conseguito la Laurea magistrale in Organizzazione e Gestione del Patrimonio Culturale e Ambientale presso l’Università Federico II di Napoli - Titolo della tesi: “La Comunicazione Integrata per la valorizzazione del territorio). Sono appassionata d’arte e fotografia; raccontare (anche per immagini) e organizzare eventi è ciò che faccio dal 2010 per CamCampania, network artistico-culturale che valorizza beni ambientali e culturali (materiali e immateriali) attraverso la comunicazione integrata.